IRIS

IRIS

IRIS

Il genere Iris raccoglie circa duecento specie di piante della famiglia delle Iridacee, il cui fiore è comunemente conosciuto anche con il nome di giaggiolo.

Il nome del genere deriva dalla parola greca Iris che significa arcobaleno.

 


IRIS FOETIDISSIMA

Codice prodotto: CLT 9
Categoria: IRIS

11,30 IVA inclusa

IRIS FOETIDISSIMA

Nome volgare: Giglio dei morti

Specie un tempo coltivata come ornamentale e probabilmente spontaneizzata, cresce in boschi, macchie e siepi del piano collinare, nella zona costiera  e in quella appenninica interna .

È una pianta erbacea perenne, rizomatosa, alta 60 cm.

Le foglie sono numerose, lineari piatte, lunghe sino a 60 cm e larghe 2–4 cm, glauche, glabre.

I fiori, inodori e singoli, sono tipicamente viola tenue. Nel periodo di fioritura la pianta sviluppa un baccello per fiore contenente semi di colore arancio che in autunno, a termine fioritura, si schiude e regala una seconda e piacevole caratteristica decorativa di questa specie.

Fiorisce da marzo a maggio.

È definita foetidissima a causa dell'odore emanato, conseguente alla rottura o al taglio della sua foglia

L'Iris Foetidissima si adatta a numerosi tipi di clima: continentale, mediterraneo, alpino. Sempreverde, resistente alle gelate, gradisce luoghi soleggiati o mezz'ombra.

 


IRIS UNGUICULARIS

Codice prodotto: CLT 3
Categoria: IRIS

11,50 IVA inclusa

IRIS UNGUICULARIS

L'iris unguicularis, detta anche iris d'Algeria, è una rizomatosa sempreverde originaria del Mediterraneo orientale e dell'Africa settentrionale; i piccoli bulbi si pongono a dimora a distanza di alcuni centimetri. Producono numerose foglie erette, nastriformi, di colore verde chiaro o verde-bluastro, spesso leggermente carnose, riunite in ciuffi simili a fitti cuscini d'erba, lunghe 20-25 cm. Per tutto l'inverno, da novembre fino a febbraio-marzo, producono numerosi fiori con diametro di 8-10 cm, portati su un cortissimo stelo; hanno sei petali, che, con lo sbocciare del fiore, tendono a piegarsi verso il basso; sono larghi, di colore viola acceso, bianco, rosa, blu, lilla, striati di bianco e con una vistosa riga di colore giallo oro che li taglia a metà. Questi fiori sono intensamente profumati, molto particolari nelle aiole o nei giardini rocciosi.

Per la crescita della Iris unguicularis sono indicati terreni di tipo gessoso, grasso, sabbioso e argilloso. L’ottenimento di notevoli risultati si può avere soltanto rispettando tutte le necessità della pianta specialmente in merito al grado di umidità del terreno. Il terreno può avere un pH: acido, alcalino e neutro.

L’esposizione rispetto ai punti cardinali non è fondamentale si adatta a tutte le posizioni. L’esposizione alla luce può essere in pieno sole, mezza ombra, ombra.

La varietà unguicularis è una tra le poche a fiorire durante l'intero corso dell'anno con i suoi splendenti fiori dalla peculiare forma e dal colore azzurro-lavanda particolarmente profumati.

Le dimensioni contenute rendono questi iris adatti ad essere coltivati in vaso.

In genere si accontentano delle piogge, anche se può essere necessario procedere a sporadiche annaffiature estive, in caso di siccità molto prolungata. In autunno è consigliabile arricchire il terreno con del concime organico ben maturo, o con del concime granulare a lenta cessione, specifico per piante da fiore.

Queste piante sono comunque molto semplici da coltivare e possono regalare grandi soddisfazioni grazie alle loro fioriture accese dai colori viola-bluastri.

La coltivazione può avvenire in: giardino informale, giardino di ghiaia, giardino mediterraneo, vaso o contenitore, giardino architettonico, terrazzo o cortile, giardino roccioso, prato o in pieno campo, giardino fiorito, giardino di campagna, giardino costiero, giardino sub-tropicale.