ERBACEE PERENNI , BULBOSE , RIZOMATOSE E TUBEROSE

ERBACEE PERENNI , BULBOSE , RIZOMATOSE E TUBEROSE

Le piante erbacee perenni , bulbose , rizomatose e tuberose

con i loro bordi misti così ricchi di colore imprimono una concezione decorativa delle aiuole e delle bordure che vuole emulare la natura.

Facendo crescere insieme le une vicino alle altre in armonica confusione queste piante di specie diversa i cui fiori in successione nell’arco intero della buona stagione si presentano in sapiente e piacevole accordo di colori.

Esse presentando fioriture possibilmente continue donando una percezione cromatica che crescendo accostate intonano l’une con le altre.

 

Mostra le altre sottocategorie
Risultati trovati in ERBACEE PERENNI , BULBOSE , RIZOMATOSE E TUBEROSE Ordina per

 


ARTEMISIA VULGARIS 'ORIENTAL LIMELIGHT' ®

Codice prodotto: CLT 5 ( VASO 20 CM )

15,00 IVA inclusa

ARTEMISIA VULGARIS 'ORIENTAL LIMELIGHT' ®

L'Artemisia comune (nome scientifico Artemisia vulgaris L., 1753) è una pianta arbustiva della famiglia delle Asteracee, nativa delle zone temperate dell'Europa, Asia e Nord Africa, ma naturalizzata anche in Nord America.

ARTEMISIA VULGARIS 'ORIENTAL LIMELIGHT' ® è una selezione che può raggiungere un’altezza di 120 cm e una larghezza di 90 cm .

Oltre alla sua forma compatta , la sua eleganza si esprime nel colore del fogliame , verde tendente allo scuro vivacemente spruzzato con giallo-crema .

Una pianta che si adatta a molti tipi di terreno tra cui i calcarei purchè drenati .

 


ASPIDISTRA

Codice prodotto: CLT 3

8,20 IVA inclusa

ASPIDISTRA

L'aspidistra (dal greco ασπίς, aspís, nel senso di scudo, per via dell'aspetto delle foglie) è una pianta ornamentale originaria dell'Asia orientale (Giappone, Cina e Himalaya) e dell'Africa. Le specie più diffuse sono l'A. elatior, l'A. typica, l'A. caespitosa, l'A. linearifolia, l'A. tonkinensis e l'A. lurida. Genere della famiglia delle Convallariaceae (già Liliaceae); poco apprezzata in passato, è stata recentemente rivalutata per la robustezza e adattabilità ad ogni tipo di clima e situazione, la sua altezza può raggiungere circa 70 cm e si può coltivare sia in vaso, con terriccio universale ben drenato, che in piena terra, nelle zone a clima non troppo rigido al riparo dell'ombra di alberi o arbusti, con l'aggiunta di torba, sabbia e materiale inerte drenante.

L'Aspidistra è una pianta dal rizoma carnoso e dalle foglie larghe e dure di colore verde intenso, lucide e sempreverdi; alcune varietà hanno foglie striate di bianco (Aspidistra lurida). I fiori, che crescono quasi a diretto contatto con la terra, non sono vistosi, spesso nascosti dal folto fogliame (per questo alcuni ritengono che non fiorisca mai), di colore porpora-brunastro, a volte con macchioline chiare, sbocciano in estate generando una bacca nerastra.

Sono piante molto longeve che possono vivere più di cento anni.Il loro nome è stato reso celebre dallo scrittore George Orwell nel romanzo Fiorirà l'aspidistra (Keep the aspidistra flying, 1936).

Pianta molto rustica e longeva, si adatta a qualunque tipo di terreno o esposizione, preferisce posizione ombreggiata e mai il sole diretto, sopporta climi con notevoli escursioni termiche (da -5° a +40 °C) anche se teme le forti gelate, si può usare terriccio universale ben drenato. L'Aspidistra necessita di una concimazione mensile nella bella stagione con fertilizzante minerale diluito nell'acqua delle innaffiature. Poco esigente come apporto idrico resiste bene a brevi periodi di siccità, le innaffiature in estate vanno effettuate quando il terreno è asciutto, diradarle d'inverno.

 


HIBISCUS COCCINEUS ERBACEA

Codice prodotto: CLT 2 (VASO 15 CM) H.10-30 CM

12,00 IVA inclusa

HIBISCUS COCCINEUS

Hibiscus Coccineus è una pianta originaria dell'America settentrionale; produce sottili fusti eretti, che spesso divengono legnosi alla base, che portano grandi foglie palmate, che ricordano le foglie di acero, di colore verde scuro, talvolta rossastre.

In estate producono grandi fiori a cinque petali, di colore rosso scuro; la fioritura si protrae da giugno fino ai primi freddi autunnali. Le piante a dimora da lungo tempo talvolta divengono arbusti legnosi, che possono raggiungere i 150-180 cm di altezza; generalmente, soprattutto nelle zone con inverni rigidi, con l'arrivo del freddo la pianta perde la parte aerea, che germoglierà nuovamente all'arrivo della primavera. Nelle zone con inverni miti è comunque consigliabile accorciare i fusti in novembre, a 30-40 cm da terra, per evitare che con il tempo la pianta perda le foglie nella parte bassa.

Gli Hibiscus coccineus prediligono posizioni soleggiate o semiombreggiate; queste piante, se poste in luogo eccessivamente ombreggiato, tendono a fiorire poco. Possono sopportare anche l'irraggiamento solare diretto senza particolari problemi. L'ibisco coccineo in genere sopporta senza problemi brevi periodi di siccità, ma anche un terreno umido o costantemente inzuppato d'acqua ; per uno sviluppo equilibrato ed un'abbondante fioritura si consiglia di annaffiare regolarmente, da marzo ad ottobre, attendendo sempre che il terreno asciughi tra un'annaffiatura e l'altra; la scarsità di acqua porta la pianta a produrre pochissimi fiori. Questi arbusti possono trovare posto nei giardini d'acqua, ma anche come sfondo nelle aiole di perenni o di annuali.

Si coltivano in un terreno di medio impasto, abbastanza ricco di materia organica. Volendo è possibile coltivarli in vaso, ricordando di cambiare il contenitore ed il terriccio ogni 2-3 anni. Le piante coltivate in vaso vanno annaffiate abbastanza frequentemente durante la stagione calda.