Lagerstroemia
Ordina per Ordina per

Lagerstroemia

LAGERSTROEMIA (CRAPE MIRTO)

Lagerstroemia comunemente noto come crape mirto o mirto di crepe , è un genere di circa 50 specie di latifoglie e sempreverdi , di alberi o arbusti , autoctoni del subcontinente indiano , sud-est dell’Asia , Australia settentrionale e parti dell'Oceania ma , coltivata nei climi più miti di tutto il mondo. È un membro delle Lythraceae , che sono conosciute anche come famiglia di loosestrife . Il genere prende il nome dai mercanti svedesi Magnus von Lagerström, che hanno fornito Linnaeus Carolus . Questi alberi speciali , producono fiori per un lungo periodo estivo sino all’autunno inoltrato , altresì sono resi molto affascinanti anche dalla corteccia che in diversi periodi mostra colori diversi .

Le foglie semplici sono opposte e variano dai 5 ai 20 cm e in autunno colorano . In natura sono specie arboree che possono raggiungere altezze che variano in base alle specie che vanno dai 30 metri ai 30 cm anche se la maggior parte sono alberi di piccole dimensioni .

Specie :

Lagerstroemia anhuiensis ,Lagerstroemia anisontera,Lagerstroemia balansae,Lagerstroemia calyculata,Lagerstroemia caudata,Lagerstroemia cristata,Lagerstroemia excelsa,Lagerstroemia fauriei,Lagerstroemia floribunda,Lagerstroemia fordii,Lagerstroemia glabra,Lagerstroemia guilinensis,Lagerstroemia indica,Lagerstroemia intermedia,Lagerstroemia langkawiensis,Lagerstroemia limii,Lagerstroemia loudonii,Lagerstroemia micrantha,Lagerstroemia minuticarpa,Lagerstroemia microcarpa,Lagerstroemia ovalifolia,Lagerstroemia paniculata,Lagerstoemia parviflora,Lagerstroemia siamica,Lagerstroemia speciosa,Lagerstroemia stenopetala,Lagerstroemia subcostata,Lagerstroemia subsessilifolia,Lagerstroemia suprareticulata,Lagerstroemia tomentosa,Lagerstroemia turbinata,Lagerstroemia venusta,Lagerstroemia villosa.

Il comune crape mirto ( Lagerstroemia indica ) è stato introdotto dalla Cina e dalla Corea intorno al 1790  a Charleston, South Carolina , negli Stati Uniti dal botanico francese André Michaux . In natura , la specie è più spesso come un grande arbusto multitronco ma , in 200 anni di coltivazione ha portato ad un enorme numero di cultivar con caratteristiche molto diverse. Oggi varietà di Lagerstroemia possono essere impiegate in ogni esigenza paesaggistica , dagli alberi di strada alle siepi . In Europa la Lagerstroemia è comune nel sud della Francia, la Penisola Iberica e tutta l'Italia .

L’affascinante mondo delle lagestroemie ormai grazie alla sintesi tra le diverse specie ha prodotto molti ibridi come gli ormai noti tra la giapponese Lagerstroemia Fauriei  e la Lagestroemia Indica .

A metà degli anni '60, l'Arboreto Nazionale statunitense intraprese un programma di allevamento di crape mirto che continua oggi, sessantacinque anni dopo. E 'stato iniziato dal defunto Donald Egolf, un orticoltore di ricerca il cui obiettivo era quello di produrre mirti di crape resistenti alle malattie e resistenti al freddo. Nei primi cinque anni, si è concentrato sull'allevamento e sulla selezione di indicatori di Lagerstroemia puri per questi tratti. Il risultato è stato il rilascio di sei cultivar nel 1967 e nel 1970, ciascuna denominata per una tribù di nativi americani, scelta per conferire una designazione chiaramente americana alle introduzioni di questo programma. Molte di queste selezioni sono ancora ampiamente coltivate oggi, tra cui "Catawba", "Cherokee" e "Seminole". Anche se un miglioramento rispetto alle cultivars allora disponibili, doveva essere seguito da una pietra miliare molto più importante nella riproduzione e nello sviluppo.

In dettaglio :

Nel 1956, una piccola specie dimenticata di crape mirto ( Lagerstroemia fauriei ) fu riscoperta sulla piccola isola giapponese di Yakushima. I botanici hanno trovato solo un esemplare sull'isola. I semi raccolti da quell'albero furono rispediti negli Stati Uniti e dispersi in arboreti e vivai. Gli alberi semenzali risultanti si sono dimostrati immuni alla muffa, una malattia che spesso affliggeva L. indica e che il progetto di allevamento USNA aveva cercato di sradicare. Questo albero puramente a fiore bianco era meno appariscente in fiore di L. indica , ma portava drammatica corteccia esfoliante alla cannella e bordeaux.

Egolf iniziò a ibridare la Lagerstroemia indica con le piantine di L. fauriei . Sperava di impartire resistenza alle malattie e abbaiare bello alla prole ibrida, a cui fu assegnato il nome L. x fauriei . Ciò che ottenne fu un'eredità duratura di cultivar spettacolari e popolari. La resistenza alle malattie, la corteccia bella e la maggiore resistenza al freddo sono state conferite a questi ibridi, proprio come aveva programmato Egolf. Dopo il rilascio delle prime selezioni ibride ("Muskogee" e "Natchez") nel 1978, ventuno cultivar ibride sarebbero state selezionate, nominate e introdotte nei successivi venticinque anni. Ognuno è stato accuratamente testato per la resistenza alle malattie, la lunghezza della fioritura e la resistenza al freddo a Washington, DC (zona 7A dell'USDA).

Successivamente, al programma ibrido è stata aggiunta una terza specie resistente al freddo: Lagerstroemia limii , una specie a fiore di lavanda coltivata occasionalmente nell'Oregon occidentale. Le sue grandi foglie pelose e la ruvida corteccia lo distinguevano da L. indica e L. fauriei . Nel 2003, furono rilasciati i primi due tripli ibridi, soddisfacendo un obiettivo a lungo ricercato: l'introduzione di veri miracoli ibridi a fiore rosso ("Arapaho" e "Cheyenne") con resistenza alle malattie.

Questo programma di allevamento di arboreti nazionali continua a utilizzare i nomi delle tribù dei nativi americani, sebbene non tutte le introduzioni chiamate così ibride; le prime sei cultivar erano puramente Lagerstroemia indica .

Le cultivar rilasciate attraverso questo programma esprimono un'ampia variazione nell'abitudine, nelle dimensioni, nel colore dei fiori, nel tempo di fioritura e nella colorazione della corteccia. Dagli arbusti nani, alti appena diciotto pollici, ai grandi e diffondenti alberi da ombra, costituiscono alcune delle selezioni più popolari ora coltivate negli Stati Uniti. A parte una manciata di cultivar, tuttavia, rimangono poco conosciuti nei giardini dell'Oregon.

Oltre ai bellissimi fiori alla fine dell'estate, alla resistenza alle malattie e al colore autunnale, queste cultivar offrono una colorazione attraente della corteccia, che li distingue da tutti gli altri mirti di crape. Un altro attributo dei mirti di crape, in generale, è che le loro piccole foglie cadono ordinatamente in autunno, poi si decompongono e scompaiono prima che il giardiniere abbia il tempo di allungarsi per prendere un rastrello.

 


LAGERSTROEMIA INDICA "BIANCO GRASSI"

Codice prodotto: CLT 60-70 (VASO 70 CM) H. 250-300 CM CIRCONF. 8-10 CM - IMPALCATA AD ALBERO - NON VENDIBILE ON-LINE - FRANCO NOSTRO VIVAIO
Categoria: Lagerstroemia

132,00 IVA inclusa

LAGERSTROEMIA INDICA "BIANCO GRASSI"

Di colore bianco puro. Fiore doppio autopulente. Fioritura precoce

Crescita più rapida rispetto agli altri tipi bianchi, quindi può essere riprodotta come un albero alto ; inoltre presenta un colore più puro e intenso che non diventa giallo (come succede normalmente) perché il suo doppio fiore è autopulente.

Ha un fresco fogliame verde brillante, struttura eretta e fioritura precoce, è anche freddo resistente.

La Lagerstroemia è un arbusto da fiore a foglia caduca adatto ad un clima temperato.

Si può piantare praticamente in ogni zona d’Italia ad esclusione delle zone montane eccessivamente fredde. Le piante giovani sono più sensibili al freddo delle adulte .

Lagerstroemia normalmente si impiega per formare grossi cespugli isolati o in gruppi, oppure piccoli alberi isolati o in vialetti. Ha un apparato radicale esile che non danneggia mai manufatti o il manto stradale. È una pianta che vuole assolutamente il sole, possibilmente sole pieno tutto il giorno, e se nel giardino non abbiamo un posto al sole, meglio rinunciare a questa pianta.

Meno esigente in fatto di terreni, si adatta un po’ a tutti, anche se predilige quelli asciutti e rifugge quelli umidi. Deve essere concimata abbondantemente anche quando la pianta è adulta e una volta all’anno in inverno gradisce anche con un po’ di letame maturo.

Nel periodo compreso tra maggio e ottobre presenta una splendida fioritura incorniciata da un fogliame di un fresco verde brillante. Nella veste invernale conserva un aspetto elegante per la particolare lucentezza del legno.

Resistente all’inquinamento e alla maggior parte delle malattie, è adattissima sia ai piccoli giardini che ai grandi parchi per la spettacolare e abbondante fioritura, senza alcun pericolo di danneggiare marciapiedi o cordonati grazie all’esile apparato radicale.

Lagerstroemia ha dato origine a numerose varietà, alcune di forma nana. È una pianta attualmente “vincente” nel senso che in questo momento è molto richiesta e usata nelle più varie sistemazioni a verde, da semplici fioriere, a viali alberati, a grossi volumi fioriti nei parchi. Numerosi vivai e centri di ricerca italiani, francesi e americani si stanno fortemente interessando per trovare ancora nuove forme e colori e per selezionare cultivar sempre più resistenti al freddo e alle malattie. In Italia, quello che si è più dedicato alla ricerca e alla coltivazione è Antonio Grassi, un vivaista pistoiese che ha il merito di aver selezionato e brevettato quella che è forse la più bella Lagerstroemia a fiore rosa oggi esistente chiamata semplicemente ‘Rosea Grassi’, ma incomparabile è anche una sua selezione bianca in via di brevetto il ‘Bianco Grassi’.

 


LAGERSTROEMIA INDICA "ROSEA GRASSI"

Codice prodotto: CLT 60-70 (VASO 70 CM) H. 250-300 CM CIRCONF. 8-10 CM - IMPALCATA AD ALBERO - NON VENDIBILE ON-LINE - FRANCO NOSTRO VIVAIO
Categoria: Lagerstroemia

132,00 IVA inclusa

LAGERSTROEMIA INDICA "ROSEA GRASSI"

Di colore rosa scuro. Fiore doppio autopulente. Pianta vigorosa e assurgente. Particolarmente indicata per alberetti .

Le sue caratteristiche distintive, superiori ad altre varietà rosa di lagerstroemia, sono :

struttura eretta, un fogliame intenso, verde scuro e un doppio fiore.

La struttura naturalmente spontanea verticale garantisce un notevole risparmio di tempo e lavoro, con un minimo scarto di materiale; inoltre, è una pianta molto resistente e resiste bene al freddo.

La Lagerstroemia è un arbusto da fiore a foglia caduca adatto ad un clima temperato.

Si può piantare praticamente in ogni zona d’Italia ad esclusione delle zone montane eccessivamente fredde. Le piante giovani sono più sensibili al freddo delle adulte .

Lagerstroemia normalmente si impiega per formare grossi cespugli isolati o in gruppi, oppure piccoli alberi isolati o in vialetti. Ha un apparato radicale esile che non danneggia mai manufatti o il manto stradale. È una pianta che vuole assolutamente il sole, possibilmente sole pieno tutto il giorno, e se nel giardino non abbiamo un posto al sole, meglio rinunciare a questa pianta.

Meno esigente in fatto di terreni, si adatta un po’ a tutti, anche se predilige quelli asciutti e rifugge quelli umidi. Deve essere concimata abbondantemente anche quando la pianta è adulta e una volta all’anno in inverno gradisce anche con un po’ di letame maturo.

Nel periodo compreso tra maggio e ottobre presenta una splendida fioritura incorniciata da un fogliame di un fresco verde brillante. Nella veste invernale conserva un aspetto elegante per la particolare lucentezza del legno.

Resistente all’inquinamento e alla maggior parte delle malattie, è adattissima sia ai piccoli giardini che ai grandi parchi per la spettacolare e abbondante fioritura, senza alcun pericolo di danneggiare marciapiedi o cordonati grazie all’esile apparato radicale.

Lagerstroemia ha dato origine a numerose varietà, alcune di forma nana. È una pianta attualmente “vincente” nel senso che in questo momento è molto richiesta e usata nelle più varie sistemazioni a verde, da semplici fioriere, a viali alberati, a grossi volumi fioriti nei parchi. Numerosi vivai e centri di ricerca italiani, francesi e americani si stanno fortemente interessando per trovare ancora nuove forme e colori e per selezionare cultivar sempre più resistenti al freddo e alle malattie. In Italia, quello che si è più dedicato alla ricerca e alla coltivazione è Antonio Grassi, un vivaista pistoiese che ha il merito di aver selezionato e brevettato quella che è forse la più bella Lagerstroemia a fiore rosa oggi esistente chiamata semplicemente ‘Rosea Grassi’, ma incomparabile è anche una sua selezione bianca in via di brevetto il ‘Bianco Grassi’.

 


LAGERSTROEMIA INDICA 'CATAWBA'

Codice prodotto: CLT 60-70 (VASO 70 CM) H. 250-300 CM CIRCONF. 8-10 CM - IMPALCATA AD ALBERO - NON VENDIBILE ON-LINE - FRANCO NOSTRO VIVAIO
Categoria: Lagerstroemia

132,00 IVA inclusa

LAGERSTROEMIA INDICA 'CATAWBA'

Un’altra varietà introdotta dal National Arboretum statunitense .

Catawba è un arbusto di medie dimensioni alto da 3 a 4 metri e altrettanto largo , ha bellissime foglie grandi con un portamento leggermente pendulo, che si accentua in estate allo sbocciare delle infiorescenze viola scuro piuttosto grandi e numerose. Bellissima anche nella stagione autunno- invernale, quando le foglie si colorano di rosso-arancio che dopo la caduta accentuano un altro aspetto spettacolare della pianta , la corteccia liscia con sfumature che variano dal rosso-cannella al marrone chiaro.

Spesso usato come un albero esemplare nei parchi e nei giardini più grandi è facile da coltivare perché tollerante a molti tipi di suolo purchè ben drenati ed ha una buona resistenza ai caldi e ai freddi , altresì è molto tollerante all’oidio .

 


LAGERSTROEMIA INDICA X FAURIEI NATCHEZ

Codice prodotto: CLT 60-70 (VASO 70 CM) H. 250-300 CM CIRCONF. 8-10 CM - IMPALCATA AD ALBERO - NON VENDIBILE ON-LINE - FRANCO NOSTRO VIVAIO
Categoria: Lagerstroemia

132,00 IVA inclusa

LAGERSTROEMIA INDICA X FAURIEI NATCHEZ

‘Natchez’ (NA 38449; Egolf, 1981),

Una introduzione al National Arboretum, Natchez Crapemyrtle è un incrocio tra Lagerstroemia indica 'Pink Lace' e il primo L. fauriei portato dal Giappone, questo fu fatto nel 1964. Dopo molte valutazioni la cultivar fu finalmente rilasciata nel 1978. Questa vigorosa cultivar fiorisce da Da giugno a settembre per circa 110 giorni rivelando bellissimi fiori bianchi minuscoli, può avere fino a 100-800 fiori per infiorescenza, che sono compensati da stordimento corteccia di color cannella. Il Crape myrtle Natchez ha foglie oblunghe verde scuro che diventano arancione e rosso in autunno. Questo altissimo Crape myrtle cresce fino a un'altezza di 6 metri per 6 metri di larghezza . È tollerante al calore, all'umidità e all'oidio.

NATCHEZ ha bellissime foglie grandi con un portamento leggermente pendulo che si accentua in estate allo sbocciare delle infiorescenze bianche candide piuttosto grandi e numerose. Bellissima anche nella stagione autunno- invernale, quando le foglie si colorano di rosso-arancio che dopo la caduta accentuano un altro aspetto spettacolare della pianta ,la corteccia liscia con sfumature che variano dal rosso-cannella al marrone chiaro.

Spesso usato come un albero esemplare nei parchi e nei giardini più grandi è facile da coltivare perché tollerante a molti tipi di suolo purchè ben drenati ed ha una buona resistenza ai caldi e ai freddi .  

 


LAGERSTROEMIA INDICA X FAURIEI'TUSKEGEE'

Codice prodotto: CLT 60-70 (VASO 70 CM) H. 250-300 CM CIRCONF. 8-10 CM - IMPALCATA AD ALBERO - NON VENDIBILE ON-LINE - FRANCO NOSTRO VIVAIO
Categoria: Lagerstroemia

132,00 IVA inclusa

LAGERSTROEMIA INDICA X FAURIEI'TUSKEGEE'

‘Tuskegee’ (NA 48471; EgoIf, 1986)

Un’altra varietà introdotta dal National Arboretum statunitense .

Tuskegee è il quarto ibrido indica x fauriei resistente all’Oidio rilasciato dal Ministero dell'Agricoltura Nazionale degli Stati Uniti nel 1986. Un ibrido della serie indiana .

Questa vigorosa cultivar fiorisce da Da giugno a settembre per circa 110 giorni rivelando bellissimi fiori bianchi minuscoli, può avere fino a 100-800 fiori per infiorescenza, che sono compensati da stordimento corteccia di color cannella. Il Crape myrtle TUSKEGEE ha foglie oblunghe verde scuro che diventano arancione e rosso in autunno. Questo altissimo Crape myrtle cresce fino a un'altezza di 6 metri per 6 metri di larghezza . È tollerante al calore, all'umidità e all'oidio.

TUSKEGEE ha bellissime foglie grandi con un portamento leggermente pendulo che si accentua in estate allo sbocciare delle infiorescenze rosa carico piuttosto grandi e numerose. Bellissima anche nella stagione autunno- invernale, quando le foglie si colorano di rosso-arancio che dopo la caduta accentuano un altro aspetto spettacolare della pianta ,la corteccia liscia con sfumature che variano dal rosso-cannella al marrone chiaro.

Spesso usato come un albero esemplare nei parchi e nei giardini più grandi è facile da coltivare perché tollerante a molti tipi di suolo purchè ben drenati ed ha una buona resistenza ai caldi e ai freddi .

 


LAGERSTROEMIA INDICA “DURANT RED”

Codice prodotto: CLT 60-70 (VASO 70 CM) H. 300-350 CM CIRCONF. 12-14 CM - IMPALCATA AD ALBERO - NON VENDIBILE ON-LINE - FRANCO NOSTRO VIVAIO
Categoria: Lagerstroemia

222,00 IVA inclusa

LAGERSTROEMIA INDICA “DURANT RED”

Di colore rosso scuro. Fiore doppio. Fioritura tardiva. È una pianta vigorosa e discretamente resistente al freddo.

Cultivar introdotta nel commercio negli anni ’50 .

È un arbusto deciduo, eretto, con fogliame verde scuro che diventa giallo-arancio in autunno .

La sua corteccia grigiastro-bruna si esfolia con l'età creando un tronco molto attraente .

La Lagerstroemia è un arbusto da fiore a foglia caduca adatto ad un clima temperato.

Si può piantare praticamente in ogni zona d’Italia ad esclusione delle zone montane eccessivamente fredde. Le piante giovani sono più sensibili al freddo delle adulte .

Lagerstroemia normalmente si impiega per formare grossi cespugli isolati o in gruppi, oppure piccoli alberi isolati o in vialetti. Ha un apparato radicale esile che non danneggia mai manufatti o il manto stradale. È una pianta che vuole assolutamente il sole, possibilmente sole pieno tutto il giorno, e se nel giardino non abbiamo un posto al sole, meglio rinunciare a questa pianta.

Meno esigente in fatto di terreni, si adatta un po’ a tutti, anche se predilige quelli asciutti e rifugge quelli umidi. Deve essere concimata abbondantemente anche quando la pianta è adulta e una volta all’anno in inverno gradisce anche con un po’ di letame maturo.

Nel periodo compreso tra maggio e ottobre presenta una splendida fioritura incorniciata da un fogliame di un fresco verde brillante. Nella veste invernale conserva un aspetto elegante per la particolare lucentezza del legno.

Resistente all’inquinamento e alla maggior parte delle malattie, è adattissima sia ai piccoli giardini che ai grandi parchi per la spettacolare e abbondante fioritura, senza alcun pericolo di danneggiare marciapiedi o cordonati grazie all’esile apparato radicale.